favole

Un corvo aveva rubato un pezzo di carne ed era andato a posarsi su di un albero.
Lo vide la volpe e le venne voglia di quella carne.
Si fermò vicino l'albero e cominciò ad adularla, facendo grandi lodi del suo corpo perfetto e della sua bellezza, della lucentezza delle sue penne, dicendo che nessuno era più adatto dì lui ad essere il re degli uccelli, e che lo sarebbe diventato senz'altro, se avesse avuto la voce.
Il corvo, allora, volendo mostrare che neanche la voce gli mancava, si mise a gracchiare con tutte le sue forze, e lasciò cadere la carne.
La volpe si precipitò ad afferrarla e beffeggiò il corvo soggiungendo: " Se, poi, caro il mio corvo, tu avessi anche il cervello, non ti mancherebbe altro, per diventare re ".


Chi si compiace degli elogi degli adulatori, finisce col pentirsene amaramente.

 

   torna alla home