Questa è la storia di una gabbbiana che volava felice nell'aria insieme al suo stormo.
Ad un tratto, si tuffa nel mare per mangiare qualche piccola aringa, ma ... il mare è una distesa di petrolio e la povera gabbiana non riesce più a volare libera nel cielo perché le sue ali si sono inzuppate di quel malefico oro nero e restano immobili.
Raccolte le sue ultime forze, riesce a raggiungere la città ma precipita sul balcone di una casa.
Qui abita Zorba, un gatto grosso dal mantello lucente e nero.

La gabbiana è tutta sporca e puzzolente e Zorba le dice: ti darò un po' del mio cibo e ti farò guarire.
La povera gabbiana sta molto male ma prima di morire riesce ad affidare il suo primo e ultimo uovo allo stupito Zorba, dopo avergli chiesto di mantenere tre promesse:
1) covare l'uovo,
2) avere cura del pulcino che sarebbe nato,
3) insegnargli a volare.
Zorba promette di prendersi cura del piccolo che sta per nascere.
E intanto la gabbiana, dopo aver deposto l'uovo, se ne andò per sempre.
Zorba, il gatto, lo vorrebbe mangiare ma per rispettare le promesse, con delicatezza si va a posare sull'uovo e comincia a covarlo e riscaldarlo.
All'improvviso dall'uovo esce una gabbianella che venne chiamata Fortunata.
Zorba, con l'aiuto dei suoi amici gatti, alleva con tanto amore la piccola gabbianella e la protegge dai pericoli.
Il problema nasce quando Zorba deve insegnare a volare a Fortunata.
Zorba la portava sul campanile e dopo tanti tentativi un bel giorno la gabbianella aprì le ali e volò verso il mare e da lontano salutò Zorba !!!

f-volo

Morale

Due animali così diversi e nella realtà tanto avversi sono riusciti ad aiutarsi e ad amarsi.
È molto facile accettare e amare chi sembra uguale a noi.
Ma è difficile far entrare nel cuore chi uguale non è.


 

   torna alla home